Carrello

0 prod. 0,00 €

My Cart -

0 prod.
Categorie
Emulsioni universali per serigrafia

Emulsioni Universali

Codice prodotto: emulsioniuniversali

Emulsioni Universali per serigrafia

Iva Escl.: 12,32 € Iva Incl.: 15,03 €

* Campi obbligatori

Iva Escl.: 12,32 € Iva Incl.: 15,03 €
Qtà:

Emulsioni Universali

Scheda Tecnica Emulsione Universale Plus 7000 >>

Scheda Tecnica Emulsione Universale Screen Sol 400 Blu >>

Scheda Tecnica Screen Sol Catalyst >>

(nota: Screen Sol Catalyst non è un'emulsione ma un additivo che si stende sul telaio già emulsionato per rendere l'emulsione molto resistente.
una volta utilizzato questo prodotto, il telaio non è più recuperabile in quanto l'emulsione viene catalizzata e diventa difficoltosa la rimozione.)

Scheda Tecnica Emulsione Universale Textil HT >>

Scheda Tecnica Emulsione Universale QLT >> e Informazioni Supplementari QLT >>

 

  • Che cos'è l'emulsione universale QLT?


Molto Rapida

Per incidere anche senza UV

Per ink plastisol e solvente.
Consente limitate tirature con ink a base acqua.
QLT è un'emulsione utilizzabile anche senza diazo, pronta all'uso.
A elevato residuo secco (43%) consente di ottenere un buon spessore del telaio con basso numero di passate (1+1). Per l'alta rapidità, va usata sempre a luce tenue.

 

  • Come si lavora con l'emulsione universale QLT?


PREPARAZIONE DEL QUADRO

L'alto contenuto solido dell'emulsione (43% di residuo secco) consente di ottenere strati di sufficiente spessore con un numero limitato di passate. In generale, per stampa tessile, sono sufficienti 1+1 passate con asciugatura del telaio in orizzontale, lato stampa in basso.

ESPOSIZIONE

L'emulsione Ulano QLT , per la sua rapidità, indurisce anche in presenza di luce con scarsa emissione UV, come quella emessa da normali sistemi di illuminazione (neon, alogene a luce bianca, ecc.).

E' quindi adatta all'utilizzatore non professionista, o comunque non attrezzato con espositori professionali a luce UV.

In queste condizioni d'uso si consiglia comunque, terminata l'incisione, di ri-esporre il telaio sviluppato (senza la pellicola) alla luce solare per 20-30 minuti, allo scopo di indurire ulteriormente lo strato di emulsione e aumentarne la resistenza alla stampa.

Non è possibile fornire a titolo indicativo tempi di esposizione, data la varietà possibile di sistemi di illuminazione non standard.

Si consiglia di procedere per tentativi, utilizzando il Calcolatore di Esposizione, accessorio che consente di ridurre il numero dei test.

STAMPA

L'emulsione QLT, utilizzata senza diazo, ha ottima resistenza agli inchiostri plastisol e a base solvente.

Per tirature limitate (100 -200 cicli) può essere utilizzata anche con inchiostri a base acqua.

Trattando il telaio inciso con apposito catalizzatore la resistenza agli inchiostri a base acqua migliora notevolmente, e l'emulsione raggiunge prestazioni pari a quelle di emulsioni con diazo per uso specifico. Il telaio, con questo trattamento, non è più recuperabile.

MANIPOLAZIONE E CONSERVAZIONE

La rapida reazione alla luce dell'emulsione QLT rende necessario lavorarla a luce gialla o quantomeno a luce attenuata.

L'emulsione QLT, in barattolo chiuso, si conserva a temperatura ambiente fino a 18 mesi.

Alla temperatura di 5°C (frigo) la conservazione del prodotto può essere raddoppiata.

N.B.: i dati sono riportati sulla base delle nostre conoscenze attuali; non rappresentano tuttavia alcuna garanzia delle caratteristiche del prodotto e non motivano alcun rapporto giuridico contrattuale.

materiale serigrafia

Domande sul prodotto

Domanda su Emulsioni Universali

Ordina per Descending
(5)
  • di Nadia, il 12/05/2012 17:47
    • Buon giorno,
      vorrei fare delle stampe artistiche a tiratura limitata, a più colori e con banco manuale.
      Userei carta artigianale ruvida e preferirei colori opachi e coprenti.

      Mi piacerebbe incidere il telaio da sola, ma non dispongo dell'attrezzatura adatta.

      Mi consiglierebbe i prodotti adatti a questo scopo (telaio, tessuto, emulsione, inchiostri)?

      Le illustrazioni sono di piccolo formato (A5, A4) e caratterizzate da un tratto nero a penna sottile e da ampie campiture di colore.

      Grazie
    • Su carta e cartoncino aderiscono bene sia alcuni inchiostri a base acqua (Texprint Mono - pagina http://www.cplfabbrika.com/texprint-mono-amex-conf-1-kg.html ) sia gli inchiostri vinilici a base solvente (Serimat - pagina http://www.cplfabbrika.com/serimat-quasar.html ).
      Con una differenza: gli inchiostri a base solvente possono essere stampati fino a 120 fili, e perciò consentono la riproduzione di tratti molto sottili; gli inchiostri a base acqua possono essere stampati con telai massimo a 77 fili, limitando così la definizione del disegno.

      Il formato di telai adatto alla stampa di disegni formato A4 è cm 42x52, tesato a 55 fili per le campiture, e 77-90 fili (a seconda dell'inchiostro) per i tratti di contorno.
      Il formato di telai adatto alla stampa di disegni formato A5 è cm 23x30, tesato come sopra.

      Se non dispone di un espositore a luce UV le consiglio l'uso dell'emulsione universale QLT.
      Se, invece, può procurarsi una sorgente di luce UV (alla pagina http://www.cplfabbrika.com/serigrafia/attrezzature-per-tesatura-e-incisione-telai/espositori-bromografi.html ), allora può utilizzare l'emulsione universale Textil HT.
  • di Rosalino, il 21/05/2012 17:38
    • L'emulsione universale viene fornito di riflettente?
    • - L'emulsione universale Textil HT viene venduta con allegato il barattolino di polvere diazo, che è il sensibilizzante. La polvere diazo, sciolta in acqua, si aggiunge all'emulsione, mescolando con cura, prima di utilizzarla.

      - L'emulsione universale QLT è invece già pronta all'uso e non occorre aggiungervi altro.
  • di Mystica, il 10/07/2012 17:19
    • Salve,
      vorrei comprare l'emulsione qlt già pronta all'uso, dal momento che non ho una fonte uv. E' possibile poi recuperare il telaio? se si, cosa devo usare?
      grazie
    • Il telaio emulsionato con QLT può sicuramente essere recuperato, come con qualunque altra emulsione, usando un prodotto di strippaggio.

      Per esempio lo Strippaggio Emulsione Sali, che si trova alla pagina http://www.cplfabbrika.com/strippaggio-emulsione-sali-100-gr.html del nostro sito.
  • di Danilo, il 17/07/2012 17:14
    • Buongiorno,

      Ho una situazione da risolvere e quindi materiali da comprare: mi trovo a dover stampare delle piccole icone su oggetti plastici, il classico esempio di chi deve serigrafare delle semplici penne per scrivere.
      La vernice che si trova su queste plastiche è acrilica o sintetica; parto da zero e chiedo prima di tutto consiglio nel da farsi, dal telaio (che deve essere di piccole dimensioni), la tela (considerando che devo stampare piccole icone, come possono essere piccole scritte, su piccoli oggetti come esempio fatto), l'emulsionante, inchiostri (anche se dovrei usarne uno solo al massimo 2) etc etc.

      Non vorrei comprare lampade per la fotoincisione, il lavoro è provvisorio e pensavo di farlo semplicemente al sole come ho visto fare a qualcuno.

      Mi sono fatto un giro su youtube e di tecniche ce ne sono parecchie.
      La cosa che mi interessa primariamente sono i materiali per la mia situazione di lavoro.

      Grazie
    • La stampa serigrafica su piccoli oggetti, come penne, accendini o simili, è senz'altro possibile, anche se in questi casi si preferisce la tecnica tampografica. Il motivo è che in tampografia si riesce molto meglio ad adattare la stampa alla superficie curva dell'oggetto.
      CPL Fabbrika è in grado di fornirle ciò che le occorre, compreso l'assistenza tecnica, in entrambi i casi.

      Per aiutarla a determinare:
      - Il formato del telaio (ne abbiamo anche molto piccoli: 100x200 mm)
      - Il tipo di tela
      - Il tipo di inchiostro che aderisca sul materiale

      abbiamo bisogno di un campione dell'oggetto da stampare e del file del disegno o scritta che lei intende stampare. Ci può spedire l'oggetto, o gli oggetti, all'indirizzo indicato al piede dell'e-mail.
      In questo modo saremo in grado di suggerirle con precisione tutto l'occorrente.

      Circa l'incisione del telaio, in linea teorica è possibile inciderlo utilizzando la luce del sole, ma in pratica, specie se si è alle prime armi e se le stampe da realizzare sono molto piccole, e quindi ad alta risoluzione, non è così semplice ottenere risultati soddisfacenti.
      Allora, se non ritiene opportuno attrezzarsi per l'incisione in modo professionale, CPL Fabbrika offre normalmente il servizio di incisione del telaio, spedendo in pochi giorni (da due a cinque) il telaio pronto per la stampa a partire da file del cliente.

      Se mi invia le sue coordinate ben volentieri potrò preparale un preventivo per attrezzarsi alla stampa serigrafica o tampografica, secondo la sua scelta.
  • di Mystica, il 02/08/2012 17:09
    • Salve,
      ho comprato l'emulsione qlt, poiché non dispongo di luce uv.
      Quanto tempo devo aspettare prima di applicare il lucido con il disegno?
      Quando applicherò il disegno posso usare delle lampade normali? da quanti watt e per quanto tempo?
      Grazie per la disponibilità
    • Il telaio emullsionato, con QLT o con qualsiasi altra emulsione, può essere utilizzato appena l'emulsione è perfettamente asciutta. Questo può avvenire in circa 8 ore, a temperatura ambiente e con umidità del'aria normale, oppure in circa 20 minuti, in armadietto riscaldato a non più di 40° C.
      Ci si accorge che l'emulsione è asciutta quando, passando delicatamente le dita, questa non appiccica.

      Le variabili che determinano il giusto tempo di esposizione sono veramente tante:
      - Lo spessore dell'emulsione
      - il numero di fili del telaio
      - Il tipo di sorgente luminosa utilizzata (intesa come temperatura di colore)
      - la potenza della luce
      - la distanza dal telaio.

      Anche se la QLT reagisce anche alle emissioni non UV, si consiglia di dare la preferenza alla luce fredda; perciò, se si tratta di neon chiedere neon a luce fredda (da 4000 K in su). Se si tratta di alogene a 500 W preferire la luce bianca anziché quella calda, tendente al giallo.

      Con una batteria di neon a 15 cm dal telaio, oppure con una lampada alogena fredda a un metro e mezzo dal telaio, consiglio di provar econ un'esposizione da 8 minuti. Quindi si sviluppa il telaio e si osserva il risultato.
      Il telaio va sviluppato con acqua non a pressione e se l'esposizione è corretta la gelatina dovrebbe sciogliersi nelle zone del disegno in circa 2 minuti.
      Se la gelatina si scioglie dappertutto, allora occorre almeno raddoppiare l'esposizione. Se nei tratti sottili il disegno non si apre, allora occorre dimezzare l'esposizione.

      Si procede in questo modo per approssimazioni successive, modificando una sola variabile per volta: se si decide di aumentare l'esposizione allora occorre tenere costante la distanza tra luce e telaio. Oppure, viceversa, si modifica la distanza tenendo costante l'esposizione. Solo in questo modo si potrò valutare l'effetto delle nostre modifiche.

Fai la tua domanda




Torna al prodotto