Carrello

0 prod. 0,00 €

My Cart -

0 prod.
Categorie
Inchiostri serigrafici Texprint Coloranti in Confezione da 100 gr e 1 Kg

Texprint Coloranti in Confezione da 100 gr e 1 Kg

Codice prodotto: texprintcoloranti

- Ideale per serigrafia su tessuti naturali e carta
- Necessita di coloranti da aggiungere alle basi

Iva Escl.: 1,99 € Iva Incl.: 2,43 €

* Campi obbligatori

Iva Escl.: 1,99 € Iva Incl.: 2,43 €
Qtà:

Pubblica Amministrazione.

Questo articolo è disponibile per Scuole, Accademie e PA, anche tramite MEPA. Leggi qui come procedere.

Dubbi o domande sul Prodotto?
Consulta le nostre risposte alle domande frequenti

Texprint Coloranti - Adatti alla stampa di carta, cotone, misti, spugna

Da aggiungere al Texprint Base Universale>> (con telai fino a 55 fili) o al Texprint Base Extrasoft per supporti chiari>> (con telai a 90-100 fili), per ottenere l'inchiostro del colore desiderato.
Aggiungere al 5% alla base. 100 gr pigmentano 2 kg di base.

Se miscelati alla base Universale la stampa asciuga all'aria, con base Extrasoft invece la stampa va cotta (vedi schede tecniche)

Scheda Tecnica Texprint Coloranti >> 

Scheda tecnica del Texprint Base Universale >>

Scheda tecnica del Texprint Base Extrasoft supporti chiari >>

 

Possono essere aggiunti anche alle basi professionali AQUATECH nella quantità del 6%, con telai fino a 120 fili. Necessitano di cottura.

Con Aquatech base coprente >> per stampare su tessuti scuri

Con Aquatech base trasparente >> per stampare su tessuti chiari

Scheda tecnica dell'inchiostro Aquatech >>

 

materiale serigrafia

Domande sul prodotto

Domanda su Texprint Coloranti in Confezione da 100 gr e 1 Kg

Ordina per Descending
(3)
  • Domanda di Loreta, il 06/10/2012 16:46
    • Devo stampare su stoffe comuni, come cotone, lino, ecc, con la stampa serigrafica manuale, con telaio da 77 fili -. Che tipo di colorante mi consiglia di utilizzare?
      che differenza c'è tra texprint coloranti e texprint mono?
      Grazie
    • Il Texprint Mono è un inchiostro acrilico a base acqua coprente e pronto per essere usato così come esce dal barattolo.

      I Texprint Coloranti sono dei pigmenti concentrati da aggiungere al Texprint Base Trasparente oppure al Texprint Base Coprente, per ottenere cun inchiostro della ricchezza cromatica o della coprenza desiderata.

      I coloranti vengono spesso usati per ottenere delicate tinte pastello. Il loro uso non è codificato: occorre effettuare prove e riprove allo scopo di ottenere l'effetto desiderato, che il più delle volte è unico e inimitabile. I Texprint Mono, al contrario, determinano risultati certi, standard e ripetibili.
  • Domanda di Simone, il 18/02/2014 11:32
    • Buon giorno,
      mi scusi se utilizzo una polvere colorante per indumenti su delle borse di tela bianche con errori di stampa nera, (colore texprint mono) riesco a far diventare la borsa nera coprendo la stampa mal riuscita? O sono da buttare?
    • Posto che con il colorante per indumenti si ottenga una borsa di un bel nero pieno, resta il problema dello spessore della scritta stampata: il Texprint Mono lascia uno strato di inchiostro avvertibile con le dita e, secondo me, comunque visibile a luce radente, anche nero su nero.

      Sicuramente le borse così recuperate non potranno essere spacciate per nuove.
      L'ideale sarebbe, dopo il trattamento con il colorante, ristampare le borse con scritte bianche più o meno in corrispondenza di quelle nere ricoperte.

      Franco Ratto,
      Responsabile Tecnico e Commerciale
  • Domanda di Giacomo, il 17/06/2019 09:59
    • Sto usando degli inchiostri a basa acquosa ma quando eseguo più passaggi di racla per stampare su più magliette, l’inchiostro mi si asciuga sul telaio e alcuni aloni rimangono anche dopo averlo lavato.

      Esiste una soluzione per la rimozione sicura dell’inchiostro senza andare a gravare sull’emulsione ?
    • Quello che lei descrive è il tipico problema degli inchiostri a base acqua.

      Problema che, con le temperature estive, diventa ancora più acuto.

      Ci sono vari metodi per aggirare l'ostacolo:
      - lavorare in un ambiente non troppo caldo (sarebbe ottima cosa climatizzare anche solo un piccolo angolo del laboratorio)
      - aggiungere all'inchiostro una piccola percentuale (massimo 3%) di ritardante di tipo compatibile con l'inchiostro stesso
      - tenere un ritmo di stampa abbastanza sostenuto, senza interruzioni più lunghe di 30 secondi
      - mantenere l'inchiostro alla giusta fluidità, aggiungendo periodicamente gocce di acqua per mezzo di un apposito flacone con spruzzatore https://www.cplfabbrika.com/flacone-vuoto-con-spruzzatore-per-colla-eco.html : se l'inchiostro è leggermente più liquido passa meglio attraverso le maglie
      - con i movimenti della racla fare in modo che la superficie del telaio occupata dal disegno sia sempre coperta da uno strato di inchiostro spesso 2-3 millimetri: la racla non deve mai "pulire " il telaio, nel suo movimento di ritorno.

      Esistono altri inchiostri all'acqua, come Aquatech ( https://www.cplfabbrika.com/serigrafia/inchiostri-per-serigrafia/linea-professionale-aquatech.html ) più professionali e con il fenomeno dell'asciugatura meno accentuato; inoltre hanno un minore impatto ambientale.
      La contropartita è che, per asciugare correttamente e tenere ai lavaggi, devono essere cotti a 160°C; l'operazione è possibile soltanto e almeno con una termopressa.

Fai la tua domanda