Carrello

0 prod. 0,00 €

My Cart -

0 prod.
Categorie
Serimat Quasar

Serimat Quasar

Codice prodotto: serimat

Inchiostro Serimat per Serigrafia.


Finitura opaca.
Adatto per PVC, polistirolo, ABS, carta, cartone, legno.

Iva Escl.: 13,99 € Iva Incl.: 17,07 €

* Campi obbligatori

Iva Escl.: 13,99 € Iva Incl.: 17,07 €
Qtà:

Serimat - per PVC, polistirolo, ABS, carta, cartone, legno.

Serimat Quasar è un inchiostro a base di resine viniliche, selezionate e di proma qualità.

Ha una finitura opaca, omogenea e coprente. 

L'inchiostro Serimat Quasar è sempre fresco anche se lasciato sul telai durante una interruzione di lavoro. 

L'inchiostro Serimat Quasar è formulato con i migliori pigmenti. 

Ti consigliamo di non eccedere nella diluizione in modo da non perdere la precisione dell'inchiostro. Ricordati di agitare sempre l'inchiostro prima del suop utilizzo. 

 Se sei imteressato a saperne di più sugli inchiostri Serimat Quasar, consulta la sezione dedicata sul nostro blog. 

Ti consigliamo di consultare attentamente la scheda tecnica prima dell'utilizzo del Serimat Quasar:

Scarica la scheda Tecnica Serimat Quasar >>

 

 

materiale serigrafia

Domande sul prodotto

Domanda su Serimat Quasar

Ordina per Descending
(8)
  • Domanda di Sasha, il 08/01/2013 14:45
    • Salve,
      devo proprio utilizzare serimat per stampare su sacchetti e borse di carta? (borse di carta naturale marrone per alimentari o IKEA, ecc), o posso utilizzare inchiostri ad acqua? quale sarebbe la differenza tra serimat e quelli ad acqua?
    • Gli inchiostri a base acqua aderiscono molto bene alla carta. Specialmente il Texprint Mono, da noi provato in laboratorio, ha un'ottima resa.

      Aderisce altrettanto bene il Modatex (altro inchiostro ad acqua da noi commercializzato), ma a seconda del tipo di carta tende a infiltrarsi nelle fibre e si ha perdita di nitidezza.

      La diffferenza tra Serimat e inchiostri ad acqua sta nella stampabilità: mentre il Serimat può essere stampato fino a 120 fili, e quindi può riprodurre anche scritte o tratti molto piccoli, gli inchiostri a base acqua possono essere stampati con telai massimo a 77 fili, ma a 55 fili si ha la migliore stampabilità, senza rischi che l'inchiostro tappi le maglie del telaio. Perciò con gli inchiostri a base acqua non si riescono a riprodurrre tratti molto fini.

      Per quanto riguarda l'asciugatura non vi è invece alcuna differenza, poiché ambedue gli inchiostri asciugano a temperatura ambiente.
  • Domanda di Giulio, il 24/05/2013 14:52
    • Come posso effettuare una stampa serigrafica con effetto filigrana un inchiostro molto chiaro? con la polvere perlescente verrebbe troppo lucido o sbaglio?
    • La lucentezza della superficie stampata non dipende dalla polvere perlescente, ma dalla base trasparente; quella del Serimat è mattata, e perciò anche l'effetto finale sarà mattato.
  • Domanda di Andrea, il 18/09/2013 13:17
    • Carta intestata con logo dell'azienda visibile in controluce.
      Quale prodotto mi consigliate?
    • Un sistema che consente di ottenere una parvenza di "effetto filigrana" è il seguente:
      Serimat base trasparente additivato con polvere perlescente e stampato a basso numero di fili.

      Naturalmente occorre effettuare prove con telai di diversa filatura e aggiungere la polvere alla base in diverse percentuali, per ottenere un effetto conforme alle aspettative.
      In realtà, aggiungendo materiale alla carta (l'inchiostro trasparente con polvere perlescente) si ottiene un effetto filigrana di tipo opposto a quello classico.

      Il vero effetto filigrana, infatti, è ottenuto togliendo materiale all'impasto della carta, perciò in controluce il disegno della filigrana appare sempre più chiaro.
      Nel nostro caso, invece, aggiungiamo materiale e perciò la luce passa attraverso la carta in quantità inferiore.
      Con il nostro procedimento si vede forse il disegno osservando la carta a luce radente.

      Franco Ratto,
      Direttore Tecnico e Commerciale
  • Domanda di Mario, il 09/02/2015 11:54
    • Salve, volevo sapere che differenza ce tra il Nero - Nero Europa - NeroTermosaldabile? poi volevo sapere se gli inchiostri in questa lista Serimat quasar sono tutti opachi? volevo anche sapere se questo SERIMAT GEL TIXOTROPICO 1 KG e sempre un inchiostro che si usa come tutti gli altri ? a me sembra dal immagine colore grigio?

      grazie per le informazioni
    • Il Serimat Nero è un inchiostro coprente che si utilizza nella maggior parte dei casi, ogni volta che si vuole ottenere una stampa coprente.

      Il Serimat Nero Europa è il nero che si utilizza soltanto in quadricromia; è limitatamente coprente, come gli altri tre colori di quadricromia.

      Il Serimat Nero Termosaldabile si usa sul pvc in foglio, che viene poi tagliato e termosaldato, per esempio per realizzare forme gonfiabili (boe di segnalazione, oggetti pubblicitari o altro). Questo nero ha la particolarità che può essere stampato anche sulle aree che poi saranno termosaldate. Altri inchiostri impediscono ai due lembi di pvc di attaccarsi tra loro.

      Il Serimat è un inchiostro opaco. La versione lucida si chiama Serigloss.
      Il Gel tixotropico non è un inchiostro, ma un additivo da aggiungere agli altri colori. La sua funzione è quella di regolare la variazione di viscosità dell'inchiostro in funzione dei movimenti cui viene sottoposto con la racla. Trattandosi di additivo ha colore neutro. Il suo impiego è soprattutto con macchine automatiche.

      Franco Ratto.
      Responsabile Tecnico e Commercaiale
  • Domanda di Roberto, il 25/05/2016 14:07
    • Buongiorno, un annetto fa ho acquistato degli inchiostri a solvente Serimat, nonostante fossero ben chiusi hanno perso la cremosità di una volta, probabilmente dopo un uso intensivo aprire e chiudere il barattolo ha fatto evaporare parte del solvente. L'inchiostro è ancora utilizzabile, ma vorrei evitare con il tempo di dover buttare via tutto. Mi sapreste consigliare sul tipo di diluente o solvente da utilizzare per mantenere sempre al meglio la viscosità dell'inchiostro?
      Grazie e buon lavoro
    • Quando gli inchiostri a base solvente, con il tempo, perdono solvente per evaporazione e diventano più densi, occorre ripristinare la giusta viscosità semplicemente aggiungendo un diluente compatibile.

      Nel caso del Serimat va benissimo il Diluente Normale 290.15, oppure il Diluente Lento 290.23: https://www.cplfabbrika.com/serigrafia/prodotti-chimici-per-serigrafia/diluenti.html

      E' assolutamente da evitare il Solvente Pulizia Telai, che ha un'altra funzione: quella di distruggere le molecole degli inchiostri quando vogliamo pulire il telaio a fine stampa.
  • Domanda di Massimo, il 12/12/2017 23:46
  • Domanda di Federico, il 26/06/2018 16:09
    • Abbiamo acquistato un telaio tesato a 100 fili che stiamo usando per serigrafare delle scatole plastiche in policarbonato mediante l'inchiostro Serimat Quasar.

      Stampate le prime scatole, la stampa non è più omogenea e in alcune parti l'inchiostro non passa, come se le maglie si fossero chiuse.

      Quale è il problema?
    • Le cause dell'inconveniente sono molteplici e occorre agire su più fronti:

      - la temperatura dell'ambiente di lavoro è probabilmente elevata e l'ideale sarebbe lavorare in ambiente climatizzato a 20°C. Ma sappiamo che ciò non sempre è possibile, perciò ci accontentiamo di intervenire sugli altri parametri.

      - l'inchiostro è probabilmente troppo denso: occorre diluirlo con qualche goccia di Diluente Lento 23, che fluidifica l'inchiostro e ne rallenta l'asciugatura. In inverno sarebbe sufficiente il Diluente Normale 15. La consistenza ideale dell'inchiostro è paragonabile a quella della Nutella.

      - il ritmo di stampa è troppo basso: l'inchiostro va tenuto in movimento sul telaio e tra una stampa e l'altra devono intercorrere pochi secondi: l'inchiostro fermo tende ad asciugare prima

      - l'area del telaio occupata dal disegno deve essere sempre coperta da uno strato di inchiostro spesso 2-3 millimetri: se nel movimento di ritorno della racla rasiamo il disegno e portiamo indietro tutto l'inchiostro, lo strato di spessore minimo che sta nello spessore del tessuto asciuga molto rapidamente; uno spessore di 3 mm di inchiostro asciuga molto più lentamente.

      - usiamo lo Spray Aprimaglia ogni volta che occorre: https://www.cplfabbrika.com/aprimaglia-amex-500-ml.html ; lo spray si spruzza sul lato stampa del telaio ogni volta che se ne avverte la necessità; quindi si effettuano due, tre stampate a vuoto su un foglio di carta per riportare il telaio a regime.
  • Domanda di Marianna, il 02/08/2018 11:25
    • L'inchiostro Serimat è adatto per fare stampa Scratch Off (effetto Gratta e Vinci)?
    • Questo è il funzionamento dello scratch off:
      - il supporto, stampato in offset, deve essere sovrastampato con una verniciatura UV, meglio se lucida.
      - le parti che dovranno essere grattate via sono stampate in serigrafia con inchiostro vinilico opaco, come per esempio il Serimat https://www.cplfabbrika.com/serimat-quasar.html
      - alcune aziende, come Amex, producono un vinilico specifico per scratch off, disponibile su richiesta.

      Poiché l'inchiostro vinilico non è compatibile con la vernice UV, la sua adesione è ridotta e può essere grattato facilmente.

      Esistono varie vernici UV, perciò è bene fare un piccolo test prima di avviare la produzione.

Fai la tua domanda